Il blog di Gispee Consulting
Richiedi una consulenza

Interventi a favore dell’internazionalizzazione

mondo_mani

Interventi a favore dell’ Internazionalizzazione delle PMI: qual è  il denominatore comune, il “trait d’union” tra le varie tipologie di finanziamento?

“Sin dagli anni ‘90 si è data un’importanza sempre maggiore alla internazionalizzazione delle PMI nazionali, prima focalizzando la ricerca di potenziali partner al di fuori dei confini nazionali ma sempre in ambito europeo per poi, con il passare degli anni, spingersi oltre i confini europei andando a sviluppare opportunità di business in aree del globo sempre più lontane ed allo stesso tempo competitive.

Attualmente, lo scenario di crisi che pervade il sistema economico europeo in generale ed italiano in particolare, non ha fatto altro che accentuare questo fenomeno, chiamiamolo così, di “sostegno all’internazionalizzazione”.

Gli aiuti di carattere finanziario che vengono erogati dalla Comunità Europea si dividono in finanziamenti ad erogazione diretta, quelli cioè erogati direttamente dalla Comunità Europea tramite, per esempio, bandi comunitari e i finanziamenti ad erogazione indiretta, quelli cioè erogati, per fare l’esempio dell’Italia, dalle singole regioni che ricevono i flussi di denaro dall’Unione Europea e li concedono, sotto stretto monitoraggio dell’Unione stessa, secondo i loro piani regionali di sviluppo a delle categorie ben stabilite.

Tra i vari enti operanti sul mercato globale che applicano una forte spinta all’internazionalizzazione troviamo, ad esempio, l’europea European Neighbourhood Policy, la Banca di Sviluppo per il Mediterraneo o ancora la  finanziaria pubblica nazionale di sviluppo e promozione delle imprese italiane all’estero, la Simest.

La stessa linea politica è condivisa anche da altre realtà territoriali pubblico/private come ad esempio l’Artigiancassa che sostiene le  imprese artigiane nello sviluppo di politiche di espansione estera tramite il decreto del ministero dello sviluppo economico del 4 gennaio 2011.

Allo stesso modo molte Camere di Commercio provinciali e le stesse Province hanno previsto linee di sostegno in merito all’apertura verso mercati internazionali da parte delle PMI facenti parte del tessuto connettivo locale.

Attualmente, inoltre, pressoché ogni Regione italiana ha uno sportello dedicato all’internazionalizzazione dove si erogano contributi finanziari: di poche settimane fa la notizia, ad esempio, che la Regione Piemonte andrà a breve a stanziare un contributo di 20 milioni di euro per l’internazionalizzazione delle imprese.

 

Lo stesso sta succedendo praticamente per ogni regione d’Italia, dalla Lombardia e Veneto fino al Lazio e alla Sicilia.

Dopo questo lungo preambolo torniamo alla domanda che fa da titolo a questo articolo: Qual è il denominatore comune, il “trait d’union” tra queste svariate (tanto che vanno a coprire ogni categoria di possibili beneficiari) ed innumerevoli tipologie d’aiuto ?

La risposta va ovviamente ricercata non nelle caratteristiche della singola azienda (dicevamo che non esiste uno specifico sostegno finanziario per ogni tipologia di azienda) ma bensì nei criteri di individuazione degli interventi e delle attività aziendali finanziabili, a fondo perduto e non.

Generalmente tutti i programmi, comunitari e non, di sostegno all’internazionalizzazione delle imprese italiane verso mercati stranieri e le relative forme di finanziamento hanno come comune denominatore i seguenti punti:

  • realizzazioni di studi di fattibilità;
  • programmi di penetrazione commerciale;
  • realizzazioni di reti di vendita;
  • joint-venture con aziende partner locali;
  • delocalizzazione o realizzazione ex novo di  realtà produttive.

Ed è proprio in questo contesto che si inserisce la specificità, per la Tunisia e non solo, di Gispee consulting, pronta ad aiutare le imprese nel soddisfacimento dei pre elencati criteri in modo da accompagnare gli investitori passo passo nel compimento del loro processo di internazionalizzazione, affrontando tutti gli aspetti indispensabili all’ottenimento di ogni possibile aiuto e finanziamento a disposizione sul mercato regionale, nazionale ed europeo.”

Visita anche la sezione Gispee projecT, progetto Tunisia

 

Categorie: Investimenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>